Contenuto principale

Venerdì 20 novembre 2015 - ore 17,00

Nei locali del Centro Documentazione "Spiritualità, Ambiente, Stili di Vita" nella Parrocchia Assunzione di Maria Vergine - Lingotto, via Nizza 355 Torino, in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, si terrà un incontro in ricordo di Wangari Maathai: la donna che piantava gli alberi con dibattito e documentazioni video. Scarica la locandina dell'evento.

wangari maathai

Wangari Maathai è stata la prima donna centrafricana a laurearsi, nel 1966 in biologia, presso l'Università di Pittsburgh, dove aveva potuto recarsi grazie al programma "Ponte aereo Kennedy" (che forniva una borsa di studio ai migliori studenti africani).

Maathai ha fondato il Green Belt Movement e negli anni novanta ha portato avanti una forte campagna di sensibilizzazione verso i problemi della natura e del disboscamento. In particolare, durante l’Earth Day 1977, ha lanciato da sola una campagna per rimboschire il Kenya. Sperava così di bloccare l’erosione del suolo e di fornire una fonte di legname per le case e di legna per cucinare. Ha distribuito pianticelle alle donne rurali e ha ideato un sistema di incentivi per ogni pianta che sopravviveva.
Il Green Belt Movement ha piantato più di 30 milioni di alberi in Africa, aiutando 900 mila donne. È si è poi esteso in tutto il mondo, dall’Africa, agli Stati Uniti, ad Haiti e oltre. Era un concetto semplice ed ebbe un successo enorme.
Nel 2004 è stata la prima donna africana a vincere il Premio Nobel per la Pace.
E' morta il 25 September 2011 all'ospedale di Nairobi per le complicanze di un cancro di cui soffriva da tempo.

Per approfondire: