Contenuto principale

Questa estate vieni a Pragelato (TO)

per visitare la mostra "Cammini tra cielo e terra"


copertina

 La mostra "Cammini tra cielo e terra" è esposta a Pragelato per il periodo estivo

Inaugurazione sabato 30 giugno 2018 alle ore 16
Ufficio del Turismo

Nel corso dell'inaugurazione della mostra verrà proiettato il docufilm "I volti della Via Francigena" di Fabio Dipinto; il regista sarà presente e condurrà il dibattito sul film.

Realizzazione della Mostra a cura di
Comune di Pragelato
Fondazione G. Guiot Bourg di Pragelato
Associazione Triciclo di Torino

Per saperne di più visita la pagina dedicata sul nostro sito.

logotriciclo trasparente ridottissimo web

Informativa per il trattamento dei dati personali

Caro amico e sostenitore,
Ti informiamo che abbiamo aggiornato la nostra politica sulla privacy in base al nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (GDPR 2016/679), entrato in vigore il 25 maggio.
Puoi consultare la nostra politica sulla privacy pubblicata sul sito.

Puoi anche cancellare la tua adesione alla nostra newsletter in ogni momento inviando una mail con oggetto "cancellami" a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Grazie, un caro saluto

Giorgio Tartara
Presidente Associazione Triciclo

Newsletter dell'Associazione Triciclo di Torino - 11/05/2018

Un maggio 2018 ricco di iniziative - ti aspettiamo

Un film indimenticabile - Per i dettagli vai alla pagina dedicata 

martedì 15 maggio ore 21 - Salone della Casa del Quartiere Barrito in via Tepice 23/c (zona Molinette vicino a C.so Spezia)

 Proiezione del film "Sandgrains"

Regia: Montevecchi&Manrique - 2013 - 58'

Sandgrains Poster del film

Il film, a partire da una vicenda narrata nelle isole di Capo Verde, tratta il tema della pesca globale.
Il progressivo declino del pescato a livello mondiale è stato ampiamente sottostimato: il calo non sarebbe di 0,38 milioni di tonnellate all'anno, come risulta dai dati della FAO, ma di ben 1,2 milioni di tonnellate annue. La stima (2016) arriva da uno studio che ha incluso nella valutazione anche fattori come la pesca di sussistenza e il pesce scartato. Lo sfruttamento sempre più industrializzato delle risorse ittiche rischia di riprodurre sui mari l'ecatombe di specie animali avvenuta sulla terraferma con la distruzione di foreste e pascoli a partire dalla rivoluzione industriale (Rivista Science).
Gravi e sempre meno rimediabili danni sono provocati dalla pesca a strascico dei grandi pescherecci, dalla pesca illegale e dalla pesca fantasma per la quale le reti abbandonate o perse in mare continuano a pescare e uccidere animali senza alcun vantaggio per i pescatori.

Sandgrains ci fa riflettere sulle “interconnessioni” che scopriamo ogni giorno, tra la nostra alimentazione globalizzata, la povertà e la fame di persone che vivono un po’ più lontano da noi, la rottura di equilibri naturali che fino a poco tempo fa rendevano “normale” la vita di quelle persone.
Perché nel mare di Capo Verde e di tante altre aree delle coste africane il pesce scarseggia al punto da impedire la vita dei pescatori locali? Perché invece non manca mai sulle nostre tavole?
La risposta va ricercata nelle politiche dei paesi occidentali e nelle pratiche distruttive di pesca che vengono praticate ogni giorno.

 

Newsletter dell'Associazione Triciclo di Torino - 19/05/2018

Gran finale delle attività del progetto "Il cambiamento climatico"

Martedì 22 maggio 2018 ore 20,45

Sala conferenze di via Nizza 355

Parrocchia Assunzione di Maria Vergine

Franco Correggia "Il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità"

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

cartolina perdita bio 1 r

Franco Correggia, consulente scientifico, naturalista, autore di oltre cento pubblicazioni di argomento biologico, ecologico e naturalistico, è presidente dell’Associazione Terra, Boschi, Gente e Memorie, componente del Comitato Scientifico del WWF Piemonte e consulente dell'Agenzia Internazionale Ager.
Ci condurrà in una analisi coinvolgente della perdita di biodiversità sul nostro pianeta attraverso i millenni fino ad arrivare alla drammatica situazione di oggi in cui, come riporta l'Indice del Pianeta 2016 del WWF, si registra un declino di circa il 58% delle popolazioni di vertebrati, con un picco dell'80% degli anfibi che vivono negli ecosistemi di acqua dolce. La biodiversità è un patrimonio universale per tutta l’umanità, conservarla è un dovere di tutti noi.

Vedi sul sito https://triciclo-onlus.org/index.php/iniziative/clima/211-il-cambiamento-climatico

Newsletter dell'Associazione Triciclo di Torino - 1/05/2018

Un maggio 2018 ricco di iniziative - ti aspettiamo

Due importanti proiezioni - Per i dettagli vai alla pagina dedicata

martedì 8 maggio ore 21 - Salone della Casa del Quartiere Barrito in via Tepice 23/c (zona Molinette)

Proiezione del film The light bulb conspiracy" in collaborazione con CinemAmbiente di Torino
Regia di Cosima Dannoritzer - 2010 - 75'
poster del film

Il film tratta del fenomeno dell'obsolescenza precoce o pragrammata che riduce la vita utile delle nostre apparecchiature.
Il primo caso certificato di invecchiamento studiato a tavolino risale al 23 dicembre 1924 quando i produttori mondiali di lampadine a incandescenza si riunirono a Ginevra per ridurre la vita delle lampadine dalle oltre 2500 ore garantite al consumatore prima del patto, a 1000 (è il cosiddetto Cartello Phoebus).
L’usura precoce dei prodotti, studiata o meno a tavolino, provoca un enorme spreco di risorse naturali, un aumento dei rifiuti e un rilevante danno economico per la collettività. È una tendenza che va contrastata.

Occorre riflettere sul fatto che nella società prima del ‘900 le cose, gli oggetti, non potevano possedere un’obsolescenza programmata per il semplice motivo che erano prodotte in modo semi-artigianale e non in serie. Gli oggetti quindi erano realizzati per durare e la fine della loro vita utile era generalmente determinata dall'usura, magari dopo diversi interventi di riparazione.
La logica della produzione di massa e del consumismo crea invece, a partire dai primi decenni del '900 e soprattutto dopo gli anni '50, la necessità di accorciare la vita dei prodotti per evitare la sovrapproduzione. Contemporaneamente iniziava ad affermarsi un principio tipico dei nostri tempi "avere sempre l'ultimo modello" per motivazioni che sono probabilmente chiare e utili solo a chi li produce e ha bisogno di venderli.